Carciofi con il tappo (cacocciuli cù tappu)

RICETTA DI: GIOVANNA IVANA SANTANGELO


Ingredienti per 4-6 persone

6-8 carciofi
4 uova
12 cucchiai pangrattato
1 mazzetto prezzemolo tritato finemente
50 g uva passa
50 g pinoli
8 cucchiai caciocavallo grattugiato (si può usare il parmigiano, secondo i gusti)
Sale e pepe q.b.
Succo di un limone q.b.
Olio di semi d arachidi (per friggere) q.b.
1 l salsa di pomodoro
Olio extravergine d’oliva q.b.

Procedimento:

Pulire i carciofi, batterli sulle punte su un piano rigido in modo di allargare un poco le foglie, tagliare le punte con le spine e togliere le foglie dure.
Allargare ancora le foglie e, con un coltello, eliminare il fieno interno, infine tagliare i gambi, in modo che stiano in piedi e metterli in acqua acidulata con il succo di limone.

Nel frattempo, battere tre uova e amalgamarle con il pangrattato (2 cucchiai a carciofo), il prezzemolo tritato finemente, il caciocavallo grattugiato, i pinoli, l’uvetta e un pizzico di sale e pepe macinato al momento.
Imbottire i carciofi in modo che la farcia, ben compatta, penetri fino al fondo del carciofo e in superficie compattando bene. A questo punto battere l’altro uovo, fare scaldare l’olio in una padella, passare i tappi nell’uovo battuto e far friggere in maniera che la farcia amalgamata con l’uovo si sigilli ai carciofi. Fatto ciò farli rosolare anche dalle parti laterali e metterli da parte.
Mettere un tegame sul fuoco e preparare la salsa di pomodoro, aggiustarla di sale e pepe e un paio di cucchiaini di zucchero. Quando comincia a prendere bollore adagiarvi i carciofi, in modo che stiano in piedi, col tappo rivolto verso l’alto, incoperchiare e farvi cuocere per circa 15-20 minuti.

Spegnere il fuoco, innaffiare con un filo d’olio extravergine d’oliva e lasciarli insaporire ancora nel tegame a fuoco spento. Quando saranno intiepiditi servirli accompagnati da qualche cucchiaio di salsa di pomodoro.

https://feeds.feedburner.com/LeMilleEUnaTortaDiDanyELory

Condividi con gli amici…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.