Vai al contenuto
Home » Taralli pugliesi

Taralli pugliesi

RICETTA DI: PATRIZIA DE LUCA 



1kg. di farina 0,150 g. di lievito madre rinfrescato e attivo (in alternativa usare il lievito madre secco in polvere), 200 g. di olio extravergine d’oliva, 450-500 ml. di vino bianco secco (dipende dall’assorbimento della farina, metterne poco alla volta fino ad avere una consistenza morbida e non appiccicosa), 1 cucchiaio di sale, 1/2 cucchiaino di zucchero, semi di finocchio. 


Sciogliere il lievito madre in poca acqua tiepida col mezzo cucchiaino di zucchero, mettere nella planetaria la farina (tenendone da parte una quantità che servirà in seguito), il vino tiepido poco alla volta, il lievito madre sciolto (per quello in polvere non c’è bisogno di scioglierlo); azionare la planetaria, mentre impasta aggiungere l’olio, fare incordare l’impasto, unire i semi di finocchio e alla fine il sale.

Versare tutto sul tavolo di legno e lavorare l’impasto fino a che non si esaurisca tutta la farina tenuta da parte.

Fare dei filoncini sottili e le forme a piacere, lasciarli crescere 1 ora e mezza circa (con lievito secco anche meno), mettere sul fuoco una pentola con acqua e quando raggiunge il bollore tuffarci i taralli, pochi alla volta per non farli attaccare; quando vengono a galla toglierli e metterli su di un canovaccio, poi passarli in teglia con carta forno e infornarli a 180° forno ventilato, affinché si cuociano e si asciughino.

Se il forno è troppo alto si colorano fuori ma dentro restano molli, devono diventare croccanti.


https://feeds.feedburner.com/LeMilleEUnaTortaDiDanyELory

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.