Vai al contenuto

La cottura a vapore, il modo più salutare per cuocere i cibi 

cottura a vapore

svolta più salutista alla propria nutrizione. Senza rivolgersi necessariamente ad una divinità che possa illuminare il percorso, ognuno adopera i sistemi che gli sembrano essere più adatti al raggiungimento dell’obiettivo salute

Ma, tralasciando le soluzioni più fantasiose, che spesso sono solo espressione di una tendenza momentanea, ce n’è sicuramente una che ha incontrato un ampio favore e che viene scelta da un numero sempre crescente di persone. Tale soluzione è rappresentata dal procedimento di cottura del cibo, un passaggio considerato fondamentale per conservare il più possibile l’integrità e i valori nutrizionali degli alimenti. 

Quella che è stata in grado di coniugare tutti gli aspetti più positivi, è sicuramente la cottura realizzata con l’uso del vapore, una tecnica molto apprezzata e utilizzata, tanto da spingere molte aziende produttrici a creare elettrodomestici ad hoc per la cottura a vapore. Tra queste c’è Ariete, specializzata in prodotti che aiutano nella preparazione dei cibi in cucina, e che offre l’opportunità di scegliere fra un’ampia gamma di articoli adatti a questo genere di preparazione.

Perché proprio il vapore?

La cottura a vapore è un metodo sano e genuino per la preparazione dei cibi, innanzitutto perché mantiene intatti sia il profumo che gli aromi e poi perché ne conserva l’integrità dei valori nutrizionali. 

Largamente adoperata in Oriente, si è gradualmente diffusa anche in Occidente dove ha trovato declinazioni diverse pur conservando le medesime caratteristiche. Questa tecnica di cottura prevede di evitare il contatto diretto tra l’acqua e il cibo e non contempla in alcun modo la presenza di olio. Va però tenuto presente che le temperature di cottura sono più basse e i tempi, di conseguenza, risulteranno un po’ più lunghi. 

Il cibo viene adagiato su una superficie forata (in Oriente vengono generalmente usati piccoli graticci di bambù), sotto cui si trova uno strato d’acqua che viene portato ad ebollizione, creando una circolazione di vapore che fa cuocere gli alimenti. 

La cottura a vapore 

Cuocere a vapore è meglio che lessare? Assolutamente si poiché evita la dispersione delle sostanze nutritive quali minerali o vitamine contenute negli alimenti, se questi fossero immersi nell’acqua bollente. Attenzione però, perché non tutti i cibi possono essere cotti a vapore e ciò dipende principalmente dalla loro consistenza. 

La carne grassa, ad esempio, non è adatta a questo tipo di procedimento, perché necessita di temperature abbastanza alte per raggiungere una cottura perfetta. Discorso diverso per il pesce invece, per il quale lapreparazione a vapore è particolarmente adatta. Ottimale risulta essere per le verdure, che ben si prestano a questa tecnica anche se, talvolta, alla fine della cottura, presentano un tipo di consistenza meno appetibilerispetto a quando vengono cotte in modo diverso, risultando forse troppo morbide con grande disappunto da parte dei palati più esigenti.

Quali sono le ricette migliori

La ricetta continua dopo gli annunci…

Nel variegato e magico mondo della cucina, esistono numerose ricette cottura a vapore, che prevedono l’uso di questa tecnica e che sono particolarmente gustose e sfiziose. Per cuocere a vapore bisogna stare attenti innanzitutto alla qualità della materia prima. È sempre meglio, dunque, utilizzare prodotti freschi, mautilizzare anche quelli surgelati va comunque bene. 

Naturalmente i cibi secchi, in virtù della loro consistenza, sono sconsigliati. Mentre invece viene esaltato il sapore di ortaggi quali carote, asparagi, broccoli, cavolfiori, patate, zucca, zucchine e spinaci. Particolarmente adatto è anche il riso, che però deve essere utilizzato dopo essere stato abbondantemente lavato con acqua, per togliere tutto l’amido in eccesso. 

Adesso però corre l’obbligo di sfatare un luogo comune che descrive come scialbi i cibi cotti con il vapore. Diciamo chiaramente che questo non è vero, perché esistono diversi trucchi per dare più gusto, fra cui c’è sicuramente quello di aggiungere erbe aromatiche nell’acqua di cottura. Per quanto riguarda la cottura a vapore vantaggi, essi sono veramente molteplici e vanno da un sapore più naturale ad un importante risparmio energetico, in virtù del fatto che la stessa fonte di calore viene utilizzata un’unica volta, per cuocere cibi diversi all’interno di piatti impilati uno sull’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.