Vai al contenuto
Home » Brunch della domenica: cosa preparare per sorprendere grandi e piccini

Brunch della domenica: cosa preparare per sorprendere grandi e piccini

brunch della domenica

Il termine brunch ha origini anglosassoni, ma si è fatto strada in tutta Europa, conquistando il cuore e il palato di molti. Sono tanti i ristoratori italiani che hanno fatto del brunch domenicale il cavallo di battaglia della loro propostaculinaria. A chi si deve questo concetto? Lo si attribuisce a uno scrittore inglese, Guy Beringer, che a fine Novecento scrisse: “Invece della cena domenicale, ordalia dopo la sacra messa di piatti pesanti e torte saporite, perché non proporre un nuovo pasto, da servire verso mezzogiorno, che cominci con the o caffè? Eliminando il bisogno di alzarsi presto la domenica, il brunch renderebbe la vita più brillante per i bevitori notturni”.

Il brunch, oggi, è una tendenza che, come già detto, prende piede la domenica e, nel dettaglio, in tarda mattinata preferibilmente tra le ore 11.00 e le ore 13.00. Questo termine altro non è che la fusione di due parole: breakfast (colazione) e lunch (pranzo). Preparare il brunch della domenica a casa non è affatto difficile; ci sono molte ricette adatte a sorprendere grandi e piccini.

Il brunch è il perfetto mix tra salato e dolce in grado di accontentare anche i palati più esigenti, con un insieme di sapori e un’ampia scelta di portate tra cui scegliere. Se ci si vuole cimentare nella realizzazione di un brunch casalingo si potrebbe, ad esempio, iniziare con il consultare la ricetta semplice e sfiziosa della torta salata con zucchine, velocissima da preparare e perfetta per questo tipo di pasto.

Di seguito una selezione di interessanti ricette

Muffin al formaggio

muffin al formaggio sono una vera squisitezza che renderà il brunch domestico indimenticabile. Sono semplici e veloci da preparare e non bisogna essere dei cuochi provetti. Si tratta, inoltre, di una ricetta personalizzabile in quanto è possibile realizzarla utilizzando il formaggio che più si preferisce. Il loro aspetto è invitante e il gusto molto forte. Sono ideali anche per i bambini che apprezzeranno la loro consistenza soffice e filante. Per 6 persone occorrono: 250 g di farina 00; 220 ml di latte; sale; pepe; 50 g di formaggio grattugiato; 1 bustina di lievito istantaneo per ricette salate; 60 g di burro; 100 g di Emmental e 1 uovo. 

Uova alla monachina

Una ricetta davvero creativa e sorprendente, nonché ideale per un brunch che include grandi e piccini, sono le uova alla monachina. Ancora troppo poco note meriterebbero sicuramente una maggiore diffusione. La loro origine è partenopeae si tratta di uova sode farcite e panate con farina, uova e pangrattato. La frittura dona a queste uova una piacevole croccantezza. I napoletani sono soliti prepararle durante il periodo pasquale, ma data la loro bontà, sono ideali da gustare tutto l’anno e, perché no, durante un brunch. Occorrono: 6 uova; 500 ml di olio di semi; 200 ml di latte; 20 g di burro; sale; noce moscata; 20 g di farina; 2 uova; farina per la panatura e pangrattato. 

Sformato di patate e salame 

Non può esservi brunch che non preveda almeno uno sformato (da gustare caldo). Lo sformato di patate e salame è una di quelle ricette altamente versatili, da personalizzare a scelta con salumi, formaggi e verdure. Nel caso specifico il sapore dolce della patata compensa alla perfezione quello deciso del formaggio (abbiamo preferito optare per il pecorino) e quello sapido del salame. I bambini apprezzeranno molto la crosticina in superficie dovuta alla cottura in forno. È un piatto unico, nel caso di un brunch è preferibile servirlo in piccole porzioni. Gli ingredienti necessari per 4 persone sono i seguenti: 800 g di patate; 100 g di panna fresca; 80 g di salame; timo; sale; burro; pepe; pangrattato; olio extravergine di oliva; 3 uova e 80 g di pecorino grattugiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.