Vai al contenuto
Home » Come pulire il radicchio: idee, trucchi e suggerimenti. E quante ricette!

Come pulire il radicchio: idee, trucchi e suggerimenti. E quante ricette!

  • Serena 
  • 4 min read
come pulire radicchio

È uno degli ortaggi che acquistiamo maggiormente, fa bene alla salute ed è super versatile: stiamo parlando del radicchio, un ingrediente che non può mai mancare nel nostro frigorifero. Ma vi siete mai chiesti come pulire il radicchio? Prima di utilizzarlo in cucina, come ogni altra verdura, è ovviamente indispensabile pulirlo al meglio: vi sveliamo tutti i segreti, anche per togliere l’amaro. E vi diamo delle ricette sfiziose per portarlo sulla tavola.

Come pulire il radicchio

come cucinare radicchio
come cucinare radicchio

Prima di tutto, c’è una cosa da sapere: un buon radicchio si riconosce da alcuni aspetti. Per esempio, quando lo stiamo per comprare, cerchiamo di notare eventuali macchie: indicano se il radicchio è fresco o meno. Prestiamo la dovuta attenzione anche alle foglie, che non devono risultare in alcun modo appassite o bagnate. Se ci sono delle zone di colore scuro, evitiamo di comprarlo.

Il cespo, poi, deve essere turgido all’apertura: è il segnale di freschezza. Per fortuna, l’operazione di pulizia del radicchio è semplicissima, quindi non dovremo fare altro che partire dalle foglie esterne. Capita che magari qualche foglia appassisca: rimuoviamola. Anche la base del radicchio va assolutamente rimossa, in quanto altrimenti il sapore risulterebbe troppo amaro.

A questo punto, possiamo procedere: puliamo il radicchio adagiandolo sul tagliere, tagliamo il cespo in due e allarghiamo le foglie. Successivamente possiamo semplicemente usare il getto d’acqua tra le due parti, così da eliminare eventuali residui di terra e naturalmente i parassiti, che possono sempre esserci. Ricordiamo che l’ortaggio è fresco, e non surgelato, quindi non è già pulito!

Che cosa fare dopo? Semplice: possiamo scolare il radicchio e asciugarlo con un panno. A questo punto abbiamo la possibilità di tagliare il radicchio a listarelle e di cucinarlo come preferiamo. Ma prima vi suggeriamo il trucco per togliere l’amaro del radicchio.

Come togliere l’amaro del radicchio

Ci sono molti modi per rimuoverlo:

  • Togliere l’amaro del radicchio crudo: possiamo semplicemente tagliare a listarelle il nostro radicchio, eliminando le foglie esterne, e immergendo il tutto in una ciotola di acqua fredda, succo di limone e aceto bianco per un’oretta circa;
  • Togliere l’amaro del radicchio cotto: ops, abbiamo cucinato il radicchio ma è troppo amaro? Nessun problema anche in questo caso, perché possiamo aggiustare il sapore usando un formaggio dal gusto dolce. Uno dei migliori è il taleggio, e infatti il risotto con il radicchio è quasi sempre accompagnato da questa prelibatezza.

Ricette con il radicchio: idee

ricette radicchio
ricette radicchio

Nei mesi freddi, il radicchio è uno degli ortaggi che usiamo più spesso. Ammettiamolo: da ottobre a marzo, ma alcune varietà durano fino a maggio, è tra gli ingredienti immancabili della nostra dispensa. Il colore rosso è inconfondibile, così come il suo gusto: c’è anche chi ama proprio il suo sapore amarognolo.

È leggero, ipocalorico e si digerisce anche abbastanza in fretta: in ogni caso, il radicchio tradizionale è quello di Treviso, che si riconosce subito per la forma allungata. Ed è particolarmente buono arrostito, per accompagnare le nostre grigliate.

Ma le ricette con protagonista il radicchio sono davvero molteplici. Prendiamo come esempio le polpette di radicchio, un piatto sfizioso e leggero al contempo. Ma anche gli involtini di radicchio sono ideali per un pranzo o cena, con un ripieno a base di patate e formaggio, oppure con una nota di salsiccia.

Il radicchio è perfetto per la pizza o per la focaccia, oppure per preparare un sugo delizioso per la pasta: il classico? Con radicchio e salsiccia. E il risotto con radicchio e taleggio è a dir poco imperdibile. Cremoso, con sapori ben bilanciati. In ogni caso, è possibile anche usare del gorgonzola: anzi, è consigliato, poiché è un piatto tipicamente autunnale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.