Vai al contenuto
Home » Panissa piemontese, il risotto tipico di Vercelli da provare assolutamente!

Panissa piemontese, il risotto tipico di Vercelli da provare assolutamente!

panissa

Avete mai provato la panissa, il risotto di Vercelli? No? Ebbene, questa è una ricetta molto particolare, e quella che vi diamo è rivisitata: vi suggeriamo, se possibile, di trovare l’ingrediente tipico, ovvero il salame ricoperto di grasso. In alternativa è possibile usare del lardo, come abbiamo fatto noi.

Cos’è la panissa vercellese

La panissa vercellese è un piatto tipico piemontese. Non poteva che essere di Vercelli, una zona rinomata in tutto il mondo proprio per le sue risaie. È diffuso anche nella zona di Novara. Ma perché si chiama panissa? Il termine deriverebbe da “panigo”, ovvero una varietà povera di miglio, un ingrediente che è stato usato a lungo per preparare questo piatto. Bastano pochi ingredienti per creare un piatto della tradizione che magari non è molto conosciuto, ma è davvero buonissimo: basta dare un’occhiata agli ingredienti per comprendere la veracità di questa specialità.

Abbinamenti enologici

Il consiglio che diamo è di provare questo risotto da abbinare a un buon vino rosso, ovviamente fermo, possibilmente di medio corpo. Il migliore? Ovviamente un buon Barbera piemontese. Ma anche un vino delle Colline Novaresi non è affatto male, così da fare un “tuffo” gastronomico nel territorio piemontese.

Da provare: Pollo alla Marengo – Antica ricetta piemontese secondo L’Artusi

Panissa vercellese

Chef: Patty Piperita
Il risotto tipico piemontese, una ricetta contadina d'altri tempi
5 da 2 voti
Stampa la ricetta Condividi su Pinterest
Preparazione 10 minuti
Cottura 20 minuti
Tempo di riposo 12 ore
Tempo totale 12 ore 30 minuti
Portata Primi Piatti
Cucina piemontese
Porzioni 4 Persone
Calorie 450 kcal

Ingredienti  

Cosa ci occorre per la panissa, il risotto di Vercelli

  • 200 g fagioli borlotti
  • 320 g riso
  • 1 Salame
  • Lardo
  • Acqua di cottura dei fagioli
  • 100 ml vino rosso

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il canale Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO!!

Puoi anche riceverle via email, iscrivendoti gratis alla nostra Newsletter.

Per mantecare

  • 30 g burro
  • 3 cucchiai di parmigiano reggiano ben stagionato

Preparazione della ricetta
 

Come preparare la panissa, il risotto di Vercelli

    Come preparare i fagioli

    • Prima di tutto, mettere i fagioli borlotti secchi a bagno la sera prima per 12 ore e utilizzarli tutti (la confezione usata per la ricetta era da 300 gr). Utilizzare quelli in più per altre ricette.
    • La mattina, sciacquare i fagioli e metterli nella pentola a pressione con 1 litro e mezzo d’acqua, 2 cucchiaini di sale grosso e un pezzo di lardo.
    • Chiudere e cuocere per 45 minuti dopo il sibilo.
    • Svaporare la valvola e prelevare i fagioli, mantenendo l’acqua di cottura calda.

    Come fare il risotto

    • In una pentola, versare il salame sbriciolato, rosolarlo e aggiungere il riso fatto tostare.
    • Sfumare con il vino rosso corposo e, dopo l’assorbimento, aggiungere poco per volta il liquido caldo dei fagioli.
    • A metà cottura, aggiungere i fagioli. Dopodiché, una noce di burro e il parmigiano, così da mantecare al meglio, rigorosamente a fiamma spenta.
    • Se vuoi ricevere offerte strepitose, selezionate per te da Amazon, iscriviti gratis al canale Telegram, cliccando qui oppure al canale Whatsapp, cliccando qui. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO!! In alternativa clicca qui, per trovare Tutto ciò che cerchi per la tua casa

    • Aspettare qualche minuto e poi impiattare. Buon appetito!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Recipe Rating




    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.