Come conservare la farina

In cucina...

Seguici sui social

259,078FanMi piace
104,704FollowerSegui
75,961FollowerSegui
350FollowerSegui
494FollowerSegui

La farina come molti ingredienti alimentari va conservata in modo corretto. In questa guida vi spieghiamo come conservare la farina.

Puoi conservare la farina in contenitori ermetici di plastica o di vetro e riporla all’interno di un mobile in cucina o in uno scaffale. E’ consigliabile scegliere un luogo buio per la farina, in quanto la luce ne accelera il deterioramento.

RICEVI LE NUOVE RICETTE IN ANTEPRIMA SU WHATSAPP, direttamente sulla tua chat! Salva il mio numero di telefono +393791029645, memorizzalo come Lory Lemillericette e scrivimi su whatsapp il tuo NOME e COGNOME. Puoi anche riceverle via email, iscrivendoti gratis alla nostra Newsletter.

Tutte le tipologie di farina come quelle raffinate o integrarli nel tempo possono essere infestate da tipici insetti come vermi e farlalle. Infatti le farine rappresentano un ottimo habitat per questi insetti.

Nonostante le farine raffinate siano private della crusca prima della macinazione e possono durare più a lungo di quelle integrali, va considerato che hanno comunque una data di scadenza.

Sono diversi i fattori che contribuiscono al deterioramento delle farine: umidità, luce, insetti. Per questo motivo è necessario capire i metodi migliori per conservare la farina di qualsiasi tipo.

I consigli per conservare la farina al meglio

Evitate se possibile di fare scorte eccessive. Calcolate all’incirca l’utilizzo delle farine nell’arco di 15/20 giorni. La farina attira l’umidità e potrebbe deteriorarsi rapidamente. E’ preferibile acquistare la farina direttamente da un molino qualora ne aveste la possibilità.

Evitate di mischiare tra loro farina vecchia con farina nuova per esigenze di spazio. Infatti una confezione già aperta da tempo, potrebbe aver iniziato il suo deterioramento.

Miscelate soltanto il quantitativo di farina che vi serve al momento.

Luce e calore sono nemici della farina. Assicuratevi di conservare la farina in luoghi freschi, con poca luce, in contenitori ermetici e lontano da punti caldi della cucina.

Come capire se la farina è andata a male

Lo strumento migliore è il vostro naso! Se la farina continua ad avere quell’odore gradevole, potete utilizzarla. E’ possibile riconoscere lo stato della farina anche visivamente, non usatela se vedete uno strato di farina di colore diverso simile alla sabbia in superfice. In questo caso infatti, è possibile che la farina sia già contaminata da insetti.

Conservare la farina in frigorifero o in congelatore

Se avete comprato più farina del dovuto, è possibile conservare la farina all’interno di contenitori ermetici in frigorifero e/o in congelatore. Le farine si conserveranno meglio e si potrà prolungare la loro durata anche per diversi mesi.

Nel congelatore è possibile conservare le farine di legumi e le farine di frutta come farina di cocco, farina di mandorle, farina di nocciola.

Consiglio furbo

Se la farina è andata a male, potete sempre riciclarla per altri usi come ad esempio per fare la pasta di sale o come concime per piante. 

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime ricette

Altre golosità per te...