Vai al contenuto
Home » Bonet piemontese al cucchiaio, squisitezza per il palato (ed è semplicissimo!)

Bonet piemontese al cucchiaio, squisitezza per il palato (ed è semplicissimo!)

bonet piemontese

Avete mai preparato a casa il bonet, il dolce tipico piemontese? Vi diamo la ricetta e vi sveliamo le origini e le curiosità su questo dolce a dir poco buonissimo!

Bonet, il dolce tipico piemontese

È originario del Piemonte, precisamente delle Langhe, e si prepara con uova, zucchero, latte, amaretti secchi e liquore. Si pronuncia bunèt, e le sue origini sono antichissime: il termine bonet si traduce con “cappello”. Un tempo, le nonne lo preparavano con il Fernet, un digestivo molto in voga ai tempi. Esistono ben due versioni: quello tradizionale è oggi molto meno diffuso, ovvero il bonet alla monferrina, ed è senza cacao e senza cioccolato. Solamente quando arrivano le prime fave di cacao in Piemonte si è modificata la ricetta originale. Oggi è uno dei dolci più ordinati, ed è a dir poco delizioso: la variante del bonet al caffè è imperdibile!

Da provare:Sbriciolona al cioccolato piemontese con frolla al cocco

Bonet al cucchiaio

Chef: Emanuela Guido
Un dolce delicato, che crea dipendenza: è il bonet al cucchiaio, la ricetta piemontese
Vota la ricetta!
Stampa la ricetta Condividi su Pinterest
Preparazione 20 minuti
Cottura 1 ora
Tempo di riposo 2 ore
Tempo totale 3 ore 20 minuti
Portata Creme e Dolci al cucchiaio
Cucina piemontese
Porzioni 8 Persone
Calorie 234 kcal

Ingredienti  

Inviaci le tue ricette e verranno pubblicate! Clicca qui per entrare nel gruppo Facebook

Cosa ci occorre per il bonet al cucchiaio

  • 500 g latte
  • 300 g panna fresca
  • 150 g amaretti secchi
  • 9 uova
  • 250 g zucchero semolato
  • 50 g cacao amaro
  • 30 g caffè amaro
  • 10 g rum

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il canale Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO!!

Puoi anche riceverle via email, iscrivendoti gratis alla nostra Newsletter.

Per il caramello

  • 70 g zucchero semolato
  • Qualche cucchiaio di acqua

Preparazione della ricetta
 

Come preparare il bonet al cucchiaio

  • Iniziare preparando il caramello in una padella, unendo lo zucchero con l'acqua e facendo sciogliere a fiamma media.
  • Quando il colore diventa ambrato, togliere velocemente dal fuoco e versare il caramello sul fondo dello stampo, lasciando da parte.
  • In un pentolino versare il latte e la panna, quindi aggiungere gli amaretti e portare ad ebollizione.
  • Quando bolle, lasciare cuocere per 5 minuti affinché i biscotti si ammorbidiscano.
  • A parte, in una boule capiente, rompere le uova, unire lo zucchero semolato, versare il caffè e iniziare a mescolare con un frullatore ad immersione.
  • Aggiungere il cacao e il rum continuando a mescolare.
  • Versare lentamente il composto di latte e amaretti nel frullatore e tritare bene.
  • Trasferire il composto nello stampo aiutandosi con un mestolo.
  • Cuocere il bonet a bagnomaria nel forno, posizionando lo stampo all'interno di una pirofila abbastanza ampia e riempiendo quest'ultima con dell'acqua, fino al bordo massimo dello stampo.
  • Cuocere tutto in forno preriscaldato a 140 gradi per 60 minuti.
  • A cottura ultimata, sfornare la teglia e rimuovere lo stampo dalla pirofila.
  • Lasciare intiepidire il dolce a temperatura ambiente e successivamente mettere in frigorifero fino al momento di servire, capovolgendo il bonet sul piatto.
  • Se vuoi ricevere offerte strepitose, selezionate per te da Amazon, iscriviti gratis al canale Telegram, cliccando qui oppure al canale Whatsapp, cliccando qui. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO!! In alternativa clicca qui, per trovare Tutto ciò che cerchi per la tua casa

  • Decorare con amaretti. Buon appetito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.