Come sfilettare il pesce alla perfezione, risparmiando soldi

Il pesce è uno degli alimenti più amati al mondo. L’amore nei confronti di questo alimento nasce sia dal suo sapore delicato, sia dalla sua grande versatilità: una spiccata capacità di adattamento che lo rende perfetto in molteplici preparazioni.

Di fatto, il pesce, è un alimento base che si presta a differenti piatti e differenti ricette. In base alla spezia aggiunta o alla prelibatezza che volete portare in tavola, sicuramente troverete uno spazio per inserire del buon e sano pesce.

Il pesce e le sue caratteristiche

Oltre ad essere molto salutare, è anche un cibo delizioso con caratteristiche ben precise che lo rendono adatto sia ai grandi sia ai bambini.

I nutrizionisti suggeriscono di mangiare il pesce almeno tre volte durante l’arco della settimana. Perché questo? Perché ha ottime proprietà nutrizionali grazie all’ingente presenza di proteine ad alto valore biologico, che rappresentano dal 15% al 20% della composizione proteica e sali minerali.

Un altro elemento nutrizionale fondamentale è rappresentato dalla grande presenza di Omega3, i quali prevengono differenti malattie quali: malattie cardiovascolari e invecchiamento; migliorano inoltre di gran lungo le funzioni cognitive del nostro cervello.

Ogni pesce ha differenti caratteristiche, per questo ci conviene scegliere quello più adatto per la nostra dieta o a seconda dei nostri gusti personali.


Ci scontriamo con: pesci magri (sogliola, merluzzo o platessa), pesci semigrassi (tonno, triglia o dentice) e pesci grassi (sgombro e salmone). Il nutrizionista vi darà un consiglio che, inizialmente, vi apparirà inusuale. Vi sarà consigliato di introdurre nella dieta tutti e tre questi tipi di pesci, poiché l’alternanza di magri, semigrassi e grassi crea un forte equilibrio intestinale e permette al pesce di sprigionare al massimo le sue proprietà nutritive.

Come consumare al meglio il pesce

Ogni alimento ha delle regole di conservazione e cottura differenti. Per il pesce, in modo particolare, dovremmo seguire differenti direzioni e indicazioni per poterlo poi gustare al meglio. Preferite spesso cotture semplici, come cartoccio e griglia oppure optate per l’opzione di cottura al vapore o al forno. Le alte temperature bruceranno gli organismi nocivi all’interno del pesce e ne esalteranno il sapore.


Per quanto riguarda il condimento, l’abbinamento vincente è sempre quello di versare una goccia di olio a crudo e accompagnare il pesce con verdure e del pane (preferibilmente integrale). Nel caso di molluschi o crostacei, potrete optare per una deliziosa cottura alla griglia o utilizzare una padella antiaderente.

Con l’uso di una padella o del Bimby, potrete creare dei primi piatti deliziosi come: spaghetti ai frutti di mare, spaghetti alle vongole o calamarata napoletana. Infine, cioè anche l’opzione pesce in scatola. Si tratta di un’alternativa valida, ma di cui non si dovrebbe mai abusare.

Sfilettare il pesce

Una volta acquistato del pesce fresco, dobbiamo prepararci a sfilettarlo e predisporlo per la cottura. Come svolgere quest’oasi operazione, cge vi potrà sembrare molto complicata? Vi indicheremo alcune manovre da seguire.


Posate il pesce sul tagliere con la coda che punta verso di voi e l’addome rivolto verso il basso. Incidete con un coltello in profondità il dorso, seguendo l’andamento della lisca. Avrete un filetto aperto in due.

Guarda su Amazon i migliori coltelli per sfilettare il pesce.

A questo punto, sempre usando il coltello, separate la carne del pesce dalla lisca, per poi tagliarla verso l’estremità della testa con l’uso di un paio di forbici. Fate lo stesso procedimento in prossimità della coda. Otterrete il vostro primo filetto.

Muniti di pinza, potrete pulire la carne dei residui di lische rimasti insieme ad alcune invitabili spinette. Poggiate il filetto con la pelle sul tagliere e inserite il coltello tra la carne e la pelle stessa e cominciate a separare questi due lembi.

A questo punto incidete il pesce dalle branchie sino alla coda. Una volta sul ventre, potrete staccare la lisca dalla polpa incidendola un cm sopra la coda.

Svolte tutte queste operazioni, il vostro pesce sarà pronto per la cottura. Potrete usare il pesce per cene deliziose, condirlo con limone e olio oppure, evitando di togliere la pelle, potreste pensare di preparare un piatto che non passa mai di moda: il pesce al sale cucinato in forno.

Seguendo queste piccole indicazioni, sarà molto più facile comprare pesce fresco (evitando il surgelato) e cucinarlo. Aiuterete così la vostra alimentazione e il vostro corpo a star meglio giorno dopo giorno.

Scopri anche come pulire le seppie in poche mosse.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.